Abenobashi, il quartiere commerciale di magia della Gainax (anime)

Google

Web anigate.net

 Le sezioni speciali della webzine

 Articoli su anime e manga giapponesi


 Notizie sul mondo degli anime giapponesi



I numeri della webzine già pubblicati


Info sul sito


Valid XHTML 1.1!
Valid CSS 2!
Creative Commons Licensed!





 anime - Abenobashi, il quartiere commerciale di magia

Abenobashi, il quartiere commerciale di magia

© 2002 Gainax
© 2002 Shin Vision



Titolo: Abenobashi, il quartiere commerciale di magia
Casa ed.: Shin Vision
Anno: 2002
Anno Ita: 2002
Autore: Gainax
Titolo jap: Abenobashi Mahô Shôtengai
Messa in onda 1°ep.: 04/04/2002
Num. episodi: 13
Supervisione e soggetto or.: Hiroyuki Yamaga
Sceneggiatura: Satoru Akahori e Hiroyuki Yamaga
Regia: Masayuki Kojima
Char. design: Kenji Tsuruda
Dir. artistico: Hiroshi Kato
Dir. animazioni: Tadashi Hiramatsu
Musica: Shiro Sagisu
Animazione: MadHouse / GAINAX

 Risorse su: Abenobashi, il quartiere commerciale di magia
» Cerca: Abenobashi

 Argomenti correlati a: Abenobashi, il quartiere commerciale di magia
» Abenobashi

La trama in breve

Sasshi e Arumi, amici d'infanzia, vivono da sempre nel quartiere commerciale di Abenobashi, nella periferia di Osaka. La famiglia di Sasshi possiede un locale di bagni pubblici, mentre quella di Arumi gestisce un ristorantino. Tutti i negozi della zona, però, sono destinati alla chiusura a causa di un progetto di rinnovamento del quartiere. Sebbene Masa-ji, il testardo nonno di Arumi, non voglia saperne di vendere il locale, i genitori della ragazza hanno già deciso di trasferirsi in Hokkaido.

Si prospetta quindi una triste estate per i due ragazzi, destinati a separarsi di lì a poco; tuttavia proprio durante una delle loro ultime passeggiate, Sasshi e Arumi scoprono l'esistenza di quattro magiche divinità animali, protettrici del quartiere, venerate proprio nei negozi di proprietà delle loro famiglie. Quando, una mattina, il nonno di Arumi provoca un incidente e rompe la statua raffigurante una di queste divinità, accade qualcosa di molto strano: i due ragazzi si trovano magicamente trasportati in un mondo molto simile al loro, eppure infinitamente più bizzarro...

Un commento

Dopo la mezza delusione che era stata KareKano, la Gainax torna all'attacco con una storia originale che mescola demenzialità, citazionismo, divertimento e un pizzico di malinconia. La formula è semplice: il primo episodio descrive la situazione della Abenobashi "reale e attuale" e ne presenta i personaggi; di lì in poi, ogni episodio successivo è dedicato ad una Abenobashi "alternativa" dentro la quale i due protagonisti vengono di volta in volta catapultati grazie alla magia.

Ad ogni episodio corrisponde quindi una "Abenobashi a tema", in cui, puntata dopo puntata, i medesimi luoghi e personaggi vengono stravolti e reinterpretati in accordo con le peculiarità di ciascun mondo. La saggia e combattiva Arumi e lo svagato (nonché animefan) Sasshi si troveranno quindi, loro malgrado, dapprima in una Abenobashi medioeval-fantasy in stile "gioco di ruolo", quindi in una Abenobashi fanstascientifico-robotica, poi cineseggiante a suon di kung-fu, poi preistorica, hollywoodiana, anni ‘40, e così via.

Da un lato, è quindi ovvio che questa struttura permetta ai realizzatori Gainax di sbizzarrirsi in un citazionismo sfrenato e in una rilettura parodica e dissacrante di ogni genere affrontato. Infatti "Abenobashi Mahô Shôtengai" parte alla grande con l'episodio fantasy e soprattutto con quello robotico che sono degli esilaranti concentrati di citazioni e ammiccamenti, nonché di situazioni comiche davvero assurde che procedono ad un ritmo forsennato. Gli appassionati di giochi di ruolo potranno divertirsi a cogliere mille sottigliezze e sberleffi comprensibili solo agli esperti, così come i fans degli anime robotici avranno di che gioire delle innumerevoli, azzeccatissime citazioni...comprese evidenti autoparodie gainaxiane riguardanti Evangelion, la cui inconfondibile musica viene usata come colonna sonora, con effetti divertentissimi; anche se stavolta, invece del complessato Shinji, abbiamo un esaltatissimo Sasshi.

 Abenobashi, il quartiere commerciale di magia della Gainax (anime)

I personaggi si confermano, in questi primi episodi, una forza aggiunta della serie: oltre all'adorabile coppia mal assortita di protagonisti (menzione al character design di Kenji Tsuruda), in ogni episodio ritroviamo i personaggi che popolano la "vera" Abenobashi, tutti rivisitati secondo il tema della puntata, con effetti sempre divertenti. In particolare vanno menzionati il padre di Arumi, uno strampalato chef che si ostina a parlare con accento francese; il travestito Aki; ma soprattutto Mune-Mune, una misteriosa, formosissima ragazza il cui ruolo si scoprirà essere ben più importante di quanto inizialmente immaginato.

D'altro canto, però, è altresì ovvio che la serie non possa procedere fino alla fine con questa semplice struttura "un episodio-una parodia". O meglio: avrebbe anche potuto farlo, ma la Gainax vuole raccontare una storia, non limitarsi ad un semplice divertissement citazionistico. Serve quindi una trama che appassioni, oltre a divertire. Per questo gli sceneggiatori, a partire da metà serie, introducono tematiche decisamente più complesse che fungano da filo conduttore al di là dei diversi mondi attraversati dai due ragazzi: nella fattispecie, si profilano misteri sulle origini di Abenobashi, su antichi legami tra i personaggi, sulla sorte di nonno Masa-ji e sulla sorte stessa di Abenobashi (non dimentichiamo, infatti, che il quartiere è destinato alla demolizione e Arumi dovrà partire a breve).

E qui iniziano i problemi. Oltre al consueto (quante tirate d'orecchie si meriterebbe la Gainax...) calo qualitativo di disegni e animazioni a metà serie, le sopraccitate tematiche "drammatiche" vengono introdotte con un cambiamento davvero troppo evidente nel tono generale della serie: il settimo episodio, ma soprattutto il nono, peccano di una malinconia che più che poetica risulta semplicemente seriosa; il ritmo frena bruscamente; si aprono squarci tragici che però coinvolgono poco lo spettatore (dato che riguardano personaggi che -tranne i due protagonisti- non conosciamo se non in vesti fantasiose e demenziali) e si inizia a prendersi troppo sul serio, in un intrico macchinoso di passati, futuri alternativi e realtà possibili. Anche negli episodi di alleggerimento, in cui si riprende la struttura parodistica, si nota un certo affanno di idee (ad esempio l'episodio fiabesco non è al livello degli altri, per non parlare di quello bellico).

Per fortuna, il finale della serie si risolleva: il penultimo episodio, nell'Abenobashi hollywoodiana, è tra i migliori in assoluto, con un ritmo indiavolato che trascina i personaggi attraverso mille sorprendenti citazioni (da Ozu ai Monty Python ad Akira e chi più ne ha più ne metta) ed una qualità finalmente tornata buona. E poi c'è l'episodio finale, i cui storyboard si devono ad Hideaki Anno e si vede: i personaggi sono posti di fronte a sé stessi, ai loro pensieri, ai loro desideri e all'ineluttabile realtà. Già si teme una cervellotica evangelionata (che qui risulterebbe più che mai fuori luogo), quando in realtà una conclusione garbata e non del tutto prevedibile garantisce un lieto fine suggerendoci che, in fondo, è ancora possibile fantasticare con ottimismo sincero.

In conclusione

Anche un prodotto difettoso, se di marca Gainax, è pur sempre sopra la media. Questa serie ne è un esempio chiarissimo: se la storia presenta evidenti problemi nello sviluppo, se ci sono vistosi cali di ritmo e di tono, se insomma non tutto convince, "Abenobashi Mahô Shôtengai" rimane un prodotto godibilissimo, i cui episodi migliori si collocano di diritto tra i migliori esempi dell'animazione giapponese di oggi. Tra geniale demenzialità, personaggi tutti da gustare, parodie a tutto campo che non risparmiano nessuno e persino tocchi di erotismo osé inseriti qua e là con compiaciuta malizia, la Gainax segna un altro punto a suo favore. Resta un po' di rimpianto per quello che sarebbe potuto essere, ma di fronte al dolce visino di Arumi, tutto -o quasi- è perdonato.

DVD

La serie completa di Abenobashi, edita in Italia da Shin Vision, sarà raccolta in 4 DVD, di cui per adesso sono disponibili soltanto i primi due; non si hanno notizie precise sulla data di uscita degli altri due. A titolo informativo, può essere interessante sapere che in Francia è uscito un cofanetto a 4 DVD (3 DVD con gli episodi della serie, più uno di contenuti speciali) edito da Déclic Images, il cui prezzo complessivo è pari a quello di ciascun singolo DVD della Shin Vision.



Copyright © Animanga Netgate   Written by: Shinji Ikari
Original work: Abenobashi, il quartiere commerciale di magia
This work is licensed under a Creative Commons License